Cellule e molecole

Medicinali prodotti con l'ingegneria genetica

L'insulina è stata il primo medicamento sintetizzato con le tecniche dell'ingegneria genetica ad essere permesso. Immagine: CanStockPhoto

Le medicinali sono delle sostanze che alleviano e, nel migliore dei casi, guariscono dalle malattie. Alcune medicinali sono delle proteine umane, prodotte grazie all'ingegneria genetica.

Un determinato gene umano viene inserito in un anello DNA (plasmide) che viene trasferito nei batteri. Grazie al gene umano, i batteri producono la relativa proteina umana, che può essere poi isolata dai batteri, purificata e utilizzata come farmaco.

Troverai ulteriori informazioni a riguardo nel capitolo: "Introdurre un gene umano in un batterio".

Nel 1982 negli USA è stata autorizzata la prima medicina prodotta con l'ingegneria genetica: l'insulina umana, destinata a curare il diabete. Da allora, sono state sintetizzate molte altre medicine attraverso l'ingegneria genetica: quelle per combattere l'anemia (carenza di globuli rossi), l'emofilia A (difetto nella coagulazione del sangue), alcune malattie polmonari e nervose, i disturbi della crescita, la poliartrite (infiammazione delle articolazioni) e molte altre.

Più sicurezza grazie all'ingegneria genetica

Se una proteina umana è estratta dal sangue o dai tessuti di esseri umani o animali, si corre il rischio che, oltre alla proteina, anche delle malattie vengano trasmesse ai pazienti. Questo rischio è escluso nel caso in cui si produce una proteina nei batteri, tramite l'ingegneria genetica.

Esempio:
In passato, l'ormone della crescita destinato a curare i bambini affetti da nanismo veniva estratto da una determinata parte del cervello di persone decedute, spesso di età avanzata. Alcuni dei bambini così curati sviluppavano delle malattie cerebrali gravi, trasmesse accidentalmente insieme all'ormone. Oggi, i bambini affetti da nanismo vengono curati con l'ormone della crescita prodotto in batteri geneticamente modificati. Si può così evitare il rischio che i bambini contraggano una malattia cerebrale attraverso la medicina.

Quantità sufficienti grazie all'ingegneria genetica

Molte delle proteine utili in medicina sono difficili, se non impossibili, da estrarre dal sangue o dai tessuti umani o animali. Attraverso le cellule geneticamente modificate si possono invece produrre proteine in quantità praticamente illimitata.

Esempio:
L'interferone alfa è una medicina utile per curare l'epatite, l'AIDS e alcune forme di cancro. Servono 40'000 litri di sangue per estrarre un grammo di interferone alfa. Oggi l'interferone alfa può essere convenientemente prodotto da batteri geneticamente modificati.

Meno effetti collaterali grazie all'ingegneria genetica

Le proteine ad uso medicinale che vengono estratte da tessuti animali non sono sempre identiche alle proteine prodotte da un uomo sano. Invece, le proteine prodotte dalle cellule di mammiferi geneticamente modificate sono molto simili o addirittura identiche a quelle sintetizzate dal corpo umano e sono quindi meglio tollerate dai pazienti.

Medicine dal latte animale, uno sguardo al futuro

In Scozia, dei ricercatori sono riusciti a ottenere una pecora geneticamente modificata che produce, nel latte, quantità relativemente elevate di una proteina umana utile per la cura di una grave malattia polmonare. L'unica differenza rispetto alle altre pecore è che il suo latte contiene una proteina in più. Il latte viene raccolto con la mungitura e la proteina viene poi isolata dagli altri componenti del latte. 2000 di queste pecore transgeniche soddisferebbero il fabbisogno mondiale di questo farmaco. Questo tipo di produzione farmaceutica si chiama "gene pharming".

Medicine dalle piante

Nei laboratori d'ingegneria genetica esistono già: piante geneticamente modificate che producono proteine umane, che potranno forse un giorno essere utilizzate in medicina.

Esempio:
Trasferendo due geni umani nella pianta di tabacco, dei ricercatori sono riusciti a farle produrre una proteina chiamata emoglobina. Esistono anche delle piante di mais e di soia transgeniche che producono nei loro semi delle proteine del sangue e degli anticorpi molto utili in medicina.

Video sul tema

Creato: 20.02.2018

Questo articolo è stato importato automaticamente dal nostro vecchio sito. Si prega di segnalare eventuali errori di visualizzazione a redazione(at)simplyscience.ch. Grazie per la collaborazione!

Il contenuto proviene dall’ex sito internet gene-abc.ch, che è stato integrato nel sito internet di SimplyScience.ch nel gennaio 2016. Geni ABC era un’iniziativa del Fondo Nazionale Svizzero per la ricerca scientifica e viene mandato avanti dalla fondazione SimplyScience.

Di più