Cellule e molecole

Come si trasmettono le mutazioni?

Le mutazioni in ovuli o spermatozoi vengono trasmesse ai discendenti (esempio di una trasmissione ereditaria autosomica dominante). Immagine (modificata da): Domaina/Wikimedia Commons, CC-Lizenz

Una volta create, le mutazioni sono parte integrante del genoma. Inizialmente una mutazione è però confinata in una sola cellula e, solo durante la divisione cellulare, si propaga nelle generazioni cellulari che ne derivano. Nel caso in cui la mutazione riguarda le cellule di tessuti come la pelle o il sangue, la malattia può svilupparsi solo nell'individuo interessato. In questo caso si parla di mutazioni somatiche, le quali non sono trasmesse ai discendenti.

Se invece le cellule dell'apparato riproduttore dell'individuo sono interessate dalla mutazione, come gli spermatozoi o gli ovuli, la mutazione è definita germinale. Al contrario delle mutazioni somatiche, quelle che interessano la linea germinale non hanno in genere effetti sull'individuo colpito. Tuttavia, quando la prole della persona affetta eredita la mutazione, tutte le cellule del corpo ne sono toccate. Gli effetti della mutazione saranno quindi visibili per la prima volta a livello di questa generazione.

Video sul tema

Creato: 16.10.2012

Questo articolo è stato importato automaticamente dal nostro vecchio sito. Si prega di segnalare eventuali errori di visualizzazione a redazione(at)simplyscience.ch. Grazie per la collaborazione!

Il contenuto proviene dall’ex sito internet gene-abc.ch, che è stato integrato nel sito internet di SimplyScience.ch nel gennaio 2016. Geni ABC era un’iniziativa del Fondo Nazionale Svizzero per la ricerca scientifica e viene mandato avanti dalla fondazione SimplyScience.

Di più