Articoli

Sviluppare alternative alla plastica - che possibilità di studio ci sono?

Il polilattato è un'alternativa alla plastica convenzionale. Si ottiene dall'acido lattico. Immagine: F. Kesselring, FKuR Willich/Wikimedia Commons, CC-Lizenz

Patrick (14 anni) : Lo scorso anno ho partecipato ad un festival musicale e sono rimasto colpito dalla quantità di rifiuti rimasti a terra nel perimetro del concerto. Quest’anno ho preso parte agli scioperi per il clima, ma sento di non volermi limitare al «militantismo», vorrei trovare una professione legata all’ecologia e al rispetto per l’ambiente.

Caro Patrick,

Ho seguito con interesse i movimenti giovanili per il clima. Effettivamente recenti studi hanno dimostrato che i rifiuti in plastica dispersi nell’ambiente contribuiscono alla produzione di gas serra e, di conseguenza, al riscaldamento climatico. Oggi l’economia non può più trascurare i temi dell’inquinamento e della salvaguardia dell’ambiente e per questo motivo sempre più settori e professioni adottano un approccio fondato sull’ecologia.

Esistono svariate possibilità per combinare i tuoi interessi e i tuoi valori ambientalisti con una formazione. Se vuoi privilegiare un approccio pratico, esiste la professione di riciclatore/trice. Questi professionisti contribuiscono alla tutela dell’ambiente occupandosi di ricezione, trattamento, smistamento e stoccaggio dei materiali di scarto, i cosiddetti rifiuti. A livello gestionale invece, tra i vari compiti degli ingegneri ambientali vi sono quelli di eseguire studi di impatto ambientale, prevedere e organizzare il riciclaggio, lo smaltimento, il trattamento o l'eventuale riutilizzo dei rifiuti e prevenire l’inquinamento del suolo, dell’acqua e dell’aria. In Svizzera, è possibile seguire una formazione in ingegneria ambientale presso una scuola universitaria professionale (a Ginevra o Zurigo), dopo aver conseguito una maturità professionale, o proseguendo gli studi presso i politecnici di Zurigo e Losanna dopo aver ottenuto la maturità liceale.

Anche la ricerca costituisce un aspetto fondamentale per quanto riguarda la prevenzione dell’inquinamento e la preservazione degli ecosistemi. Un esempio di grande attualità è quello della sostituzione della plastica monouso con le cosiddette bioplastiche. Le ingegnere e gli ingegneri in scienze dei materiali formati nei politecnici federali, infatti, possono contribuire a questi obiettivi sviluppando nuovi materiali non solo performanti, ma anche ecosostenibili, migliorando il ciclo di vita dei prodotti.

Link utili

Testo: fornito da Tullio Ramelli, orientatore scolastico e professionale, Ufficio dell’orientamento Mendrisio

Creato: 21.02.2020
Di più